El Blog

 
 

Calendario

<<   Marzo 2011  >>
LMMiJVSD
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31    

Archivos

Sindicación

Alojado en
ZoomBlog
 

Difendersi dallo smog con la naturopatia

Por FENACO - 11 de Marzo, 2011, 21:34, Categoría: Naturópatas en la Red

Notas de Prensa
11/03/2011
Difendersi dallo smog con la naturopatia

Smog e rumore. Ecco i due inseparabili fattori fin troppo presenti nelle nostre città. Tutti, chi più chi meno, sperimentiamo malesseri riconducibili alla vita cittadina e le amministrazioni fanno poco o nulla per proteggere i propri cittadini. La soluzione più efficace, ma maggiormente dispendiosa e realizzabile nel lungo periodo, è cambiare stile di vita, capovolgendo gran parte delle nostre abitudini che di sano hanno ben poco.

Nel frattempo, aspettando che la rivoluzione prima o poi si compia anche in Italia, è possibile correre ai ripari. Per liberare le vie respiratorie dalle polveri sottili che provocano allergie, riniti e bronchiti, sono consigliate frequenti gite fuori porta, al mare e in montagna, meglio ancora alle terme. Mentre per eliminare le tossine, vale sempre la regola di bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Forse, per tutelare la propria salute, basterebbe ricongiungersi alla natura, come si prefigge la naturopatia, la disciplina che si propone di migliorare lo stato di benessere degli individui.

Quali sono allora i metodi naturali per arginare gli effetti dello smog sulla nostra salute? Lo chiediamo a Roberta Scarzella che da anni si interessa di  naturopatia.

«Non ci sono metodi specifici per curare i malesseri causati dalla vita in città. La naturopatia aiuta a raggiungere una serie di equilibri: quello tra la persona e l'ambiente, ma anche quello tra le varie parti che compongono la persona stessa. Partendo dal presupposto che la natura è dotata di potere auto-guarente, compito del naturopata è consigliare al proprio cliente un corretto stile di vita, cercando di risolvere tutti gli squilibri spesso causati dall'allontanamento dalla natura. Per difendersi dallo smog, si può cominciare dall'alimentazione, introducendo alimenti che favoriscono la disintossicazione. Ottime le crucifere, ovvero gli ortaggi che contengono zolfo, elemento dalle proprietà purificatrici. Via libera quindi a tutti i tipi di cavolo, al pompelmo e alla cipolla. Quest'ultima ha inoltre forti proprietà diuretiche che aiutano a espellere le tossine. In generale, è sempre meglio prediligere cibi integrali, non raffinati e limitare il più possibile gli alimenti trattati dall'uomo, quindi acquistare o produrre biologico. Poi ci possono venire incontro gli oli essenziali. Nel nostro caso, poche gocce di pino mugo porterebbero a buoni risultati. All'aromaterapia si potrebbero abbinare i fiori di Bach. Un ottimo rimedio depurativo è crab apple, che oltre ad agire sullo stato d’animo, ha effetto anche sul fisico».

E le tisane?

«Tutto ciò che è amaro purifica il fegato. Quindi tarassaco, cicoria e carciofo. Per chi non riesce a berli, l'alternativa è mangiarli, in insalata, ad esempio. Crudi conservano tutte le loro proprietà».

E per lo stress?

«Lo stress può provocare irritabilità, insonnia e disagi dovuti alla vita frenetica. In questi casi è utile l'olio essenziale di lavanda, di fiori di arancio e gli oli armonizzanti, quelli che facilitano la socialità, come l'arancio, il bergamotto, il mandarino e il limone. È importante poi assumere modulatori, sostanze cioè che oltre a calmare danno la carica. Utili le tisane di melissa. Per quanto riguarda l'alimentazione invece, è utile il latte che contiene triptofano che favorisce il sonno e ha un forte valore simbolico. Il latte infatti ricorda la mamma e dona sicurezza e serenità. Attenzione però. In alcuni individui può provocare intolleranze e quindi una maggiore produzione di tossine. Infine, anche la cromoterapia può venirci in soccorso. I colori dalle proprietà rilassanti sono il blu e il viola».

Quindi basta vestirsi e dipingere le pareti di questi colori?

«Non solo. Si può bere acqua solarizzata, ottenuta cioè lasciando alla luce del sole l'acqua in contenitori colorati. E poi ancora, è consigliato utilizzare lampadine o filtri per ottenere una luce blu e viola».

Fuente: NUOVASOCIETA

Permalink :: Comentar | Referencias (0)

Blog alojado en ZoomBlog.com